luca de mata

10comandamenti


Vai ai contenuti

Menu principale:


Settimanali

Recensioni

Oggi - 14 luglio 2004 numero: 29 - di Enzo Biagi

Ripassiamo i dieci comandamenti, ci aiutano a vivere bene anche oggi.
Arriva in Tv un’inchiesta inspirata alle antiche leggi divine. Una rilettura, alla luce degli eventi contemporanei, pone in primo piano il peccato della violenza

……«È da elogiare, in tempi in cui è più facile fare audience con sesso e violenza, la scelta di esplorare l'etica contemporanea alla luce delle Tavole, che sono sempre di grande attualità e rimangono insuperate sia per i laici che per gli uomini di fede. Questa serie firmata da De Mata parla di guerre, di Aids, schiavitù, in un'ottica più universale. Io invece, mi occupai nel 1991 dei comandamenti all'italiana, e quella alle mie spalle è la foto del Papa che in quel perìodo riceve in Vaticano me, Franco Iseppi e l'allora vescovo di Ravenna Ersilio Tonini. Accogliendoci, Giovanni Paolo II ci disse: "Vi ringrazio anche a nome di Mosè per aver fatto luce sui dieci comandamenti". E io: "Sua Santità, non abbiamo ne tolto ne aggiunto niente". …..

L’Espresso numero: 29 - 22luglio 2004 - di Edmondo Berselli
Televisione: Decalogo contro politica

A quel che si legge in giro, l'autore di "I dieci comandamenti - II coraggio di amare" (mercoledì, Raiuno, seconda serata), Luca De Mata, non dev'essere propriamente un cattolico di sinistra. ….. De Mata scrive come una specie di Jack Folla in versione ciellina, con l'esclamativo all'ordine del giorno. Il programma tuttavia è interessante. In primo luogo perché è il tentativo di fare una televisione "di massa e di qualità", ….. un viaggio tra culture, popoli, religioni diverse cercando di tessere una trama di dialogo e di confronto». Qui il lessico è ancora molto metaforico, ma bisogna dire che il problema posto da De Mata con il suo programma è complesso. Si può rappresentare il "decalogo negato" con le immagmi «più spesso drammaticamente disperate che gioiose», organizzando intorno a ogni comandamento il materiale registrato, e mostrando un flusso continuo di situazioni gravi, spaventose, vergognose, tragiche? Che cosa ne è allora del contesto e della storia? Nella puntata dedicata a “Non desiderare la donna d’altri. Non commettere atti impuri”, si assisteva ad una sfilata impressionante di donne violate. Ma viene da chiedersi, seriamente: situare a un capo della rappresentazione i dieci comandamenti, e dall'altro la brutale fenomenologia della contemporaneità, consente di interpretare quelle immagini e quelle storie, oppure pone a confronto due polarità inavvicinabili? Al di sopra di tutto, nel titolo, si stagliano i comandamenti. Sotto, nel film, si stende la violenza, la povertà, la durezza del mondo di oggi. Forse qualcuno può trarne l'idea che la politica non serve, che la storia è inutile per capire la terra: che soltanto un Dio ci può salvare. E qualcun altro può contestare "da sinistra" questa interpretazione, senza passare a priori per marxista. Comunque, per un programma di Raiuno, buon ritmo, forza dei documenti, una seconda serata come Dio comanda.

stampa la pagina


Home Page | introduzione | Il Coraggio di Amare | Venerdì, Sabato, Domenica. | La donna e gli altri | Onora il Padre e la Madre | Non rubare | Siamo tutti sorelle e fratelli | Ama il Tuo Prossimo come te stesso | Recensioni | Crediti del documentario | Link | premi e riconoscimenti | cerca | i Blog di luca de mata | Le foto dei10 Comandamenti | copyright | Mappa del sito


Menu di sezione:


I Dieci Comandamenti:il Coraggio di Amare - luca de mata | i10comandamenti@gmail.com

Torna ai contenuti | Torna al menu